RUMINANTIA.IT

Gli acidi grassi essenziali e la fertilità – Parte II

Gli acidi grassi essenziali della serie 3 hanno degli effetti molto favorevoli sulla fertilità della bovina da latte. Aumentano infatti il numero e la taglia dei follicoli ovulatori e la concentrazione di progesterone nel sangue,…
Leggi tutto>>>

 

RUMINANTIA.IT

Gli acidi grassi essenziali e la fertilità – Parte I

Tra i vari nutrienti considerati nell’alimentazione della vacca da latte troviamo i grassi o lipidi, la cui conoscenza è estremamente importante. Si ritiene che l’aumento dell’apporto di grassi nella dieta delle bovine da latte non …
Leggi tutto>>>

 

RUMINANTIA.IT

La bufala e la vacca sono molto diverse – Parte II

Nella prima parte di questo articolo abbiamo sottolineato le differenze nel comportamento alimentare e nella conformazione anatomica della bocca e del tratto gastro intestinale della bovina e della bufala. Allo stato attuale l’approccio alla dieta…
Leggi tutto>>>

 

RUMINANTIA.IT

La bufala e la vacca sono molto diverse – Parte I

La pubblicazione nel 1982 del libro “Nutrition Ecology of the Ruminant” di Peter J.Van Soest segnò uno spartiacque nel modo di concepire la nutrizione dei ruminanti. Oltre a introdurre nuovi nutrienti e gettare le basi…
Leggi tutto>>>

 

RUMINANTIA.IT

Come migliorare la qualità del colostro – Parte II

Abbiamo visto nella prima parte di questo articolo quale è la funzione e quali sono le caratteristiche di un buon colostro. Ora entriamo più nel dettaglio in merito ai fattori che possono condizionarne la qualità.
Leggi tutto>>>

 

RUMINANTIA.IT

Come migliorare la qualità del colostro – Parte I

Al contrario di quanto accade in altri animali (uomo compreso), la placenta dei ruminanti (sindesmocoriale) impedisce, durante la gravidanza, il trasferimento delle immunoglobuline materne che serviranno al vitello (immunità passiva), una volta nato, per difendersi dalle infezioni, prima che…
Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT
Lo stress ossidativo: la più insidiosa delle malattie metaboliche

Si dice che la bovina da latte sia un “atleta metabolico” ma per meglio comprendere la natura di certi processi fisiologici e patologici è bene aggiungere “di discipline aerobiche”. Queste definizioni “metaforiche” servono a ricordarci che la produzione di energia necessaria ai processi metabolici di moltissimi organismi avviene tramite l’ossidazione di substrati come gli zuccheri e gli acidi grassi per arrivare alla produzione di ATP.
Leggi tutto >>>

RUMINANTIA.IT

Una corretta nutrizione funzionale aiuta a prevenire i danni economici della transizione

Il passaggio dall’asciutta, fase in cui impropriamente vengono classificate anche le manze nelle ultime settimane di gravidanza, al puerperio, ossia i primi 20 giorni dopo il parto, sono per le bovine da latte momenti molto difficili da gestire. Basti pensare che la maggior parte delle malattie metaboliche e alcune patologie infettive ed esse fortemente connesse si concentrano proprio in questo periodo che per semplicità viene chiamato di “transizione”.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

La bovina da latte non ha un fabbisogno proteico ma amminoacidico

Negli allevamenti di bovine da latte, la scarsa fertilità e l’eccessiva insorgenza di patologie podali e di mastiti sono generalmente attribuite ad un non meglio specificato eccesso di proteina nell’alimento. Tale convinzione si è radicata grosso modo a partire dalla pubblicazione nel 1998 della review di Butler intitolata “Effect of protein nutrition on ovarian and physiology in dairy cattle” ( J. Dairy Sci. 81:2533-2539). La semplicità della pubblicazione e l’autorevolezza dello scienziato e della rivista sono stati convincenti nel dare un’ulteriore prova al “sentire collettivo” che la proteina in eccesso fosse qualcosa di negativo.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

Ma si devono dare le vitamine del gruppo B ai ruminanti?

Uno dei capitoli più controversi della nutrizione dei ruminanti, ed in particolare di quella della bovina da latte, è quello relativo alle vitamine idrosolubili, ovvero la vitamina C e, soprattutto, le vitamine del gruppo B. Spesso s’inserisce impropriamente in questa classe di nutrienti anche la colina che non è esattamente una vitamina ma di cui sono molto chiare le funzioni metaboliche e i dosaggi d’impiego.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

La biodisponibilità dei nutrienti

I nutrienti sono quell’insieme di molecole, ingerite con il mangiare, necessarie al metabolismo degli organismi e quindi per vivere. Essi sono un insieme complesso di sostanze ben note ai nutrizionisti, che li gestiscono nello stesso modo con cui un direttore d’orchestra coordina i musicisti per produrre una melodia, che nel nostro caso si chiama dieta.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

Gli acidi grassi PUFA OMEGA-3: un importante aiuto alla salute e alla fertilità della bovina da latte

Nell’immaginario collettivo l’uso dei grassi nella dieta giornaliera delle bovine in lattazione, ma anche di bufale, pecore e capre, è visto in maniera positiva e quindi ritenuto un investimento molto utile. Ai grassi si attribuiscono effetti benefici sulla produzione di latte e sul suo contenuto in grasso, sulla salute e sulla fertilità.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

La nutrizione e lo stress da caldo nella bovina da latte

Sono passati molti anni dal 1986 da quando Israel Flamenbaum, del Ministero dell’Agricoltura d’Israele, ha pubblicato sul Journal of Dairy Science (JDS 69:3140-3147) un lavoro dal titolo “Cooling Dairy Cattle by a Combination of Sprinkling and Forced Ventilation and Its Implementation in the Shelter System” con l’effetto di stimolare l’attenzione mondiale sui danni provocati dal caldo alle bovine da latte e proponendo una soluzione pratica e molto innovativa.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

Se il fegato funziona poco …

La lipidosi o steatosi epatica o, in inglese, fatty liver è la malattia metabolica a più alta incidenza nella bovina da latte, ma anche nelle pecore e nelle bufale molto produttive. Questa dismetabolia si riscontra con una più alta frequenza nei soggetti di alto potenziale genetico (HMG) in virtù di una maggiore “prepotenza” metabolica della mammella verso i nutrienti ed una ridotta produzione o sensibilità all’insulina di questi animali.

Leggi tutto >>>

 

RUMINANTIA.IT

Le potenzialità offerte ai ruminanti dalla nutrizione clinica e da quella funzionale

La selezione genetica operata dall’uomo sugli animali allevati per produrre carne o latte ha profondamente modificato il loro metabolismo. Se sono animali destinati a produrre carne verrà premiato un “assetto metabolico” che favorisca la crescita…
Leggi tutto>>>

 

HEADQUARTERS:

Vetagro S.p.A.
Via Porro 2 42124 Reggio Emilia – Italy
info@vetagro.com
infowesteu@vetagro.com
tel: +39 0522 186 1500
fax: +39 0522 927025
www.vetagro.com

OTHER LOCATIONS:

Vetagro Eastern Europe Kft.
Váci utca 81 1056 Budapest – Hungary
infoeasteu@vetagro.com
tel: +39 0522 186 1500
fax: +39 0522 92 7025
Vetagro Yem Ticaret A.Ş.
Levent Mahallesi, Cömert Sokak, No: 1
Yapı Kredi Plaza C blok Kat:17 No:40-41 Ofis:16
34330 Beşiktaş – ISTANBUL
info@vetagro.com
tel: +90 212 318 9059
fax: +90 212 317 4701
Vetagro Inc.
116 W Jackson Blvd Suite # 320, Chicago, IL 60604 – USA
infousa@vetagro.com
tel: +1 773 610 2087
fax: +1 773 442 0131